Senza titolo

Mi sono resa conto, che questo blog mi aiuta tantissimo.

Mi aiuta a sfogarmi ad essere quello che sono, so che non devo nascondermi, che voi, mi accettate così.

Tante volte faccio fatica a socializzare, non mi sento mai abbastanza, c’è sempre qualcuno migliore di me. Ma io so, che non sono io il problema.

Ci sono rimasta così tante volte male, ho visto AMICI che dicevano di volermi bene pugnalarmi, ho visto parenti cacciare il peggior veleno. Ho visto e ho affrontato delusioni che mi hanno segnato.

Eppure sono qua, con la fobia di legarmi alle persone, sto affrontando un periodo un po’ particolare…

Cerco di essere forte, come sempre, eppure quando mi fermo mi accorgo che tutte le persone che ho intorno, ad uno e uno, me l’hanno messa nel culo.

La scusa è stata:” ma tu sei troppo buona”.

Ma tutto bene? Ora essere buoni è un difetto? Ma in che mondo di merda siamo finiti?

Vorrei circondarmi di persone con un cuore con il mio, se esistono scrivetemi fatevi vivi. Ho bisogno di voi!

Ho bisogno di sapere che al mondo c’è qualcuno che non ti usa per secondi fini, che ti vuole bene per quello che sei, non perché in quel momento fai comodo e poi ti accantonano come se fossi un giocattolo usato, stile Toy Story.

Vi racconterò amici. Non sto bene con me stessa ora. Sto cercando di affrontare un periodo particolare senza ritornare nel buio più totale della depressione. Sono sparita, in quei mesi per quello. Non ero più io, ero un Ameba.

Giurò, vi racconterò anche cose belle un giorno, ma per volere bene a una persona bisogna fare prima amicizia con i suoi scheletri.

Mi piacerebbe, avere un amico, un amico come nei film, un amico che c’è, il classico amico di penna, la classica persona che non ti giudica con doppi sensi perché sei una bella ragazza, un amica senza invidia, un amicizia bella senza senso magari… Non so mi manca, mi mancano tante cose, eppure faccio fatica a relazionarmi ho paura di soffrire, di essere invadente di essere noiosa, ho paura di soffrire… Ma nello stesso tempo vorrei lasciarmi andare.

…..

Vorrei solo stare tranquilla e circondarmi di positivita, non so a quanto pare chiedo il mondo.

5 pensieri riguardo “Senza titolo

  1. “A quanto pare chiedo il mondo”. Non so se il blog sia il luogo più adatto per trovare quello che cerchi, ma sicuramente puoi tirar fuori del buono da qualsiasi luogo o situazione, quindi anche qui. In ogni caso ti dico quello che direi a mia figlia, perché mai dovresti accontentare di qualcosa di meno? 😉

    "Mi piace"

  2. Abbiano tutti paura di essere delusi da qualcuno e di soffrire. Ma questo timore non deve diventare paura di vivere. Per impedirlo dobbiamo partire dai piccoli o grandi fallimenti che abbiamo vissuto ed ammetterli con noi stessi senza cedere alla tentazione di dare tutta la colpa agli altri che, pure, hanno sempre le loro responsabilità. Una volta accettati e compresi i motivi dei nostri insuccessi. possiamo riprendere il nostro cammino con qualche illusione di meno, ma con qualche certezza in più. Lo sosteneva Alexander Lowen fondatore della bioenergetica ed allievo di Wilhelm Reich. Anni fa, in un periodo di depressione, avevo letto un suo libro dal titolo molto esplicativo:”Paura di vivere” che mi aveva aiutato a superare quel difficile momento. Comunque non scoraggiarti. Hai tutta una vita da vivere, una lunga avventura piena di esperienze nuove e stimolanti. Un abbraccio.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: